News | 12/03/2018

Ficus

.......

Il genere Ficus comprende più di 2000 specie, la maggio parte delle quali è originaria delle parti più calde del mondo.

Un gran numero di esse sono perfette per essere coltivate in casa, proprio per il loro fogliame sempreverde, e si può dire che ne esista una specie adatta a qualsiasi angolo della casa.

Questo genere comprende alberi, arbusti, e rampicanti, alcuni sono adatti agli stretti davanzali, altri vanno collocati sul pavimento. La maggior parte di essi si adatta bene a condizioni progressivamente variabili. Tra di essi vanno citate ben più note piante d’appartamento, la pianta della gomma, Ficus elastica, e F. benjamina.

Specie e varietà di Ficus

benghalensis: Cresce fino a grande altezza nel suo habitat originario e produce anche lunghe radici aeree. In casa questa pianta è molto apprezzata per la sua tendenza a ramificare e per le sue foglie ovali verde scuro, che posso raggiungere i 20 cm. I fusti e le foglie giovani sono coperti da una peluria lanugiosa rossiccia, che rende in pò difficile la pulizia delle foglie: bisogna lavarle con delicatezza e nebulizzarle.

benjamina: In Sicilia questa pianta è parte integrante dell’arredo urbano. Coltivato in casa è in alberello aggraziato, che da giovane si presta alle composizioni di varie piante. Arriva oltre a tre metri di altezza, e crescendo, le sue caratteristiche di alberello piangente diventano più pronunciate.

buxifolia: il suo nome significa simile al bosso, è appropriato perché le sue foglie assomigliano molto a quelle del bosso.

deltoidea: è l’unica specie da appartamento che produce frutti (non commestibili). I piccoli frutti giallognoli compaiono all’apice di cortissimi piccioli. Questa pianta cresce raramente oltre il metro in casa, ma ramifica abbondantemente e porta i piccoli frutti per tutto l’anno.

elastica: detta anche pianta della gomma, è la specie più nota fra quelle coltivate in casa. Ogni varietà ha grandi foglie coriacee e brillanti con la nervatura centrale ben segnata e il fusto principale che tende a crescere dritto senza ramificare o emettere germogli laterali.

lyrata: ha foglie ovali, lucide, verde scuro, più larghe verso l’estremità e con margini ondulati che possono raggiungere la lunghezza di 40 cm. e una larghezza di 22 cm. La pianta cresce rapidamente e come F. elastica, tende ad avere un singolo fusto, Tuttavia, può essere indotta a ramificare cimandone il germoglio terminale.

pumila: E’ una piccola pianta molto ramificata e ricadente, con foglie cadenti sottili a forma di cuore, leggermente increspate, che misurano 2 cm. di lunghezza. F. pumila emette radici aeree quando può disporre di un supporto umido cui attaccarsi e diventa molto attraente quando la si fa crescere su di un tutore ricoperto di muschio.

religiosa: Originaria dell’india, ha foglie sottili verde scuro, con lunghe punte slanciate che crescono all’estremità di lunghi piccioli. Le venature principali sono più chiare. La pianta si sviluppa rapidamente e diventa presto un arbusto di grandi dimensioni.

retusa: ha foglie verde scuro, ovali o romboidali, lucide, lisce, lunghe 7-8 cm. che crescono su fusti eretti molto ramificati. La pianta che produce occasionalmente piccoli frutti non commestibili, emette molti germogli laterali e quindi viene spesso indotta ad assumere particolari forme, per esempio quella della piramide. Se lasciata a se stessa, diventa un grande arbusto.

rubiginosa: E’ originaria dell’Australia, è un piccolo alberello espanso con foglie ovali lunghe 7-15 cm., brillanti, coriacee, verde scuso sulla pagina superiore e color ruggine sulla pagina inferiore.

sagittata: E’ una robusta pianta con fusti rampicanti o ricadenti. Le foglie, verdi, lanceolate e coriacee, sono lunghe 5-8cm. e sorrette da piccioli filiformi.

TECNICHE COLTURALI

Luce: La maggior parte di queste piante prospera sia in media luce sia in posizione in cui riceva un pò di sole ogni giorno. Ficus pumila, tuttavia, richiede più ombra di quelle con fogliame variegato, che richiedono luce viva con qualche ora di sole al giorno per conservare il contrasto dei colori delle foglie.

Temperatura: tutte le le specie danno i migliori risultati a normale temperatura ambiente, ma è possibile abituarle gradualmente a una larga gamma di temperature. il Ficus pumila, è l’unica specie che sopporta meglio il freddo, è quasi in grado di sopportare il gelo.

Infatti è usata come rampicante, all’aperto, nell’Italia settentrionale. Nelle stanze molto riscaldate e con aria secca, va fatta grande attenzione ai ragnetti rossi.

Irrigazione: Non si deve mai lasciare asciugare completamente la miscela di f. pumila, perché le foglie sottili appassirebbero e cadrebbero. Le paiate di questa specie vanno innaffiate moderatamente, quanto basta per inumidire la miscela di terriccio, ma lasciando che la parte superiore si asciughi prima di innaffiare di nuovo. L’eccesso di irrigazione tende a far cadere le foglie inferiori.

Concimazione: durante il periodo vegetativo, somministrare un normale fertilizzate liquido ogni due settimane.

Invasatura e rinvasatura: Usare terriccio per Piante Verdi Compo. Non eccedere nella misura del vaso, queste piante si sviluppano meglio quando hanno le radici ristrette. Per rinvasare le piante, quindi, usare vasi di una misura superiore soltanto quando diventa decisamente necessario., come per esempio, quando le radici fuoriescono attraverso il foro di drenaggio del vaso. La rinvasatura è consigliabile il primavera; dopodiché le piante dovrebbero crescere senza problemi particolari.

 

 

 

Tags: ,

Notizie correlate