Contatti
Orari

APERTO TUTTI I GIORNI

9:00 – 12:30 | 15:00 – 19:30

Domenica chiudiamo alle 19:00

potatura invernale delle rose
04/02/2020

Potatura delle rose: l’inverno è il momento giusto

Potare o non potare? Questo è il dilemma. La rosa è tra i fiori più delicati e leggiadri, per questo quando si tratta di prendersene cura occorre fare attenzione e seguire i consigli dei nostri esperti vivaisti. La potatura invernale delle rose, in particolare, è una procedura da eseguire nel modo e nel momento corretti per assicurarsi di non intaccare negativamente la loro fioritura.

Qual è il periodo di potatura delle rose?

 

Come per altri fiori la potatura favorisce la crescita della pianta, in tal senso occorre attendere che il periodo di riposo giunga al termine. Ciò significa che il momento ideale per effettuare la prima potatura delle rose è gennaio-febbraio.

È possibile eseguire una seconda potatura durante il periodo estivo, utile per aumentare le possibilità di una nuova fioritura. Ne abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo sulla potatura estiva dei roseti.

 

Come si potano le rose in inverno?

 

Innanzitutto assicuriamoci di utilizzare attrezzi ben disinfettati, per prevenire la trasmissione di batteri nocivi alla pianta, e ben affilati, per fare un taglio adeguato e netto.

La potatura invernale consiste nell’eliminare con tagli netti i rami secchi e sofferenti. Il taglio va fatto appena sopra alla 2° o 3° gemma sana e in salute, deve essere obliquo e in direzione opposta alla gemma.

In base alla specie e all’età della pianta variano le esigenze e l’intensità della potatura.

Ecco alcuni esempi.

  • La potatura delle rose a cespuglio ha l’obiettivo di eliminare i rami piccoli e contorti e di mettere in evidenza quelli più robusti. La lunghezza ideale da calcolare per effettuare il taglio è di 30 cm dalla base. Questa procedura migliorerà l’infiltrazione della luce tra i rami.
  • Per le rose rampicanti è necessaria una potatura lieve e a partire dal terzo anno di vita. Vanno eliminati i rami che hanno fiorito già diverse volte e tutti i rami vanno accorciati tanto da mantenere circa 6 gemme sane. I rami non eliminati vanno fissati al supporto scelto, che sia un palo o un ventaglio: questo gli permetterà di crescere verso la direzione corretta.
  • Per quanto riguarda rose ad alberello e a grandi fiori la prima potatura si distingue dalle altre. La prima volta infatti occorre accorciare a 10-12 cm i rami, successivamente andranno tagliati a 1/3 della loro altezza. Cerca comunque di fare una potatura adeguata a mantenere la forma ad alberello.

Ecco alcune delle meravigliose piante di rose che trovi nel nostro vivaio.

   

 

Potatura rose, e poi?

 

Ottimo, sei riuscito a eliminare i rami secchi, hai effettuato tagli netti e curati, non resta che rilassarsi e attendere che le rose sboccino. Sbagliato.

A questo punto occorre rastrellare la zona attorno alla pianta potata e aggiungere del fertilizzante naturale (il migliore è lo stallatico) e, per evitare malattie, spruzzare uno spray anti-fungino specifico.

Durante il periodo freddo consigliamo di effettuare la pacciamatura, che consiste nel disporre lo stallatico ai piedi della pianta per poi coprirlo con del terriccio.

Nel mese di maggio vedrai gli effetti di questo lavoro e potrai godere della maestosa fioritura delle tue rose.

 

Vuoi saperne di più sulla coltivazione del roseto? Scarica subito la Guida gratuita scritta dai nostri vivaisti.

scarica la guida alla coltivazione delle rose

Condividi su:

Ti potrebbe interessare anche