Stella di Natale: significato e cura della pianta

.......

Con foglie rosse, rosa o bianche la Stella di Natale è una pianta che, anche da sola, come centrotavola, sa donare quel pizzico di magia natalizia ideale per iniziare la stagione.

Forse non tutti sanno che la Stella di Natale (o Euphorbia pulcherrima) è una pianta originaria del Messico che in natura può raggiungere i 2 m di altezza; ma come mai viene regalata a Natale? Ebbene, dietro questo simbolo del Natale si nasconde una leggenda: la notte della Vigilia una bambina si recò in chiesa, voleva celebrare la nascita di Gesù ma era talmente povera da non poter donare nulla, così un angelo le consigliò di raccogliere delle erbe e dei fiori spontanei e di donare quelli. Nel momento stesso in cui li adagiò sull’altare si trasformarono in una pianta dai fiori rossi dalla forma di una stella.

La Stella di Natale, secondo il linguaggio dei fiori e delle piante, è il simbolo del buon augurio per i mesi a venire, della rinascita e della serenità, quindi è un perfetto dono per chi ami.

Vediamo ora come curarla e conservarla, grazie ai consigli dei nostri esperti.

  1. Molta luce e temperatura costante

Assicurati di posizionarla in un punto luminoso della casa, che non sia troppo esposto né a correnti fredde né a fonti di calore.

Trattandosi di una pianta natalizia originaria del Messico, non sopporta temperature inferiori ai 12-14°C. Il nostro consiglio è quello di posizionarla sopra a un mobile o una mensola vicina a una finestra che non usi di frequente e di girarla periodicamente in modo che ogni zona possa godere della stessa luce.

  1. Annaffiala quanto basta

Il terriccio deve essere ben asciutto prima di innaffiare la Stella di Natale. In genere si tratta di bagnarla una volta a settimana in inverno e ogni 1 o 2 giorni in estate. Dopo circa 10-15 minuti dall’annaffiatura controlla il sottovaso e svuotalo dall’acqua in eccesso che la pianta natalizia non ha assorbito.

  1. Il rinvaso? Dopo le feste

Durante le feste preoccupati solo di sfoggiare la vivace Stella di Natale, innaffiala e riservale un luogo adatto in casa. Passate le festività, però, non gettarla; la primavera infatti è il momento ideale per darle la possibilità di farti compagnia al prossimo Natale. Puoi infatti procedere al rinvaso e alla potatura per mantenerla sana. Quando le foglie inizieranno a seccarsi e cadere non disperare, è un processo naturale, sarà quello il segnale per potare i rami a 10 cm.

  1. Come far rifiorire la Stella di Natale?

Trattandosi di una brevidiurna, per fiorire questa pianta ha bisogno di un limitato numero di ore di luce. Consigliamo quindi di sistemarla in un luogo buio e asciutto da tardo pomeriggio fino al mattino. In questo modo le foglie avranno nuovamente il loro classico colore rosso.

  1. Come curare la Stella di Natale

Anche la Stella di Natale, come ogni animale e vegetale, può ammalarsi e in base ai sintomi si può capire se è possibile salvarla oppure no.

Se noti delle macchie grigie sulle foglie rosse significa che la stella natalizia è stata attaccata da un fungo, quindi l’unica soluzione è gettarla (attenzione a gettare anche il terriccio perché potrebbe trasmettere lo stesso fungo alle altre piante). La stessa cosa vale quando l’acqua del sottovaso ha un odore che ricorda il detersivo.

C’è speranza, invece, quando noti che le foglie stanno diventando appiccicose e sono infestate dagli afidi (o pidocchi delle piante). Ti basterà rimuoverli a mano e poi applicare un prodotto fitosanitario apposito.

 

Vuoi regalare la Stella di Natale a una persona a te cara? Per impreziosire il tuo dono scrivi un bigliettino con queste semplici regole, farà sicuramente piacere a chi la riceve e tu farai bella figura ai suoi occhi.

Magari potresti abbinarci un addobbo o una decorazione per la casa o un soffice pensiero, come un cuscino o un paio di calzini a tema Natale. Visita il nostro villaggio natalizio e scegli il regalo più originale.

Tags: , ,

Notizie correlate